Un'esplosione di Letizia in Umbria

February 2, 2017

 Letizia di nome, esplosiva di fatto. Parliamo della Espanoli: formatrice nell'area socio-sanitaria, creatrice del Sente-Mente® Project, la prima persona in Italia ad intuire che lo Yoga della Risata potesse rappresentare uno strumento terapeutico per le persone con demenza e per le loro famiglie. Al grido di "De-mente? No! Sente-mente", Letizia ha sovvertito l'idea della demenza come un mondo fatto di persone sfuocate e svuotate, semplici involucri avviati a un lento e progressivo spegnimento sotto lo sguardo desolato e disperato dei loro cari.

E ha introdotto un cambio di paradigma nel modello assistenziale, portando a considerare queste persone non solo come portatrici di bisogni ma di un bagaglio molto ricco fatto di paure, desideri, emozioni e molto altro. E il riferimento non è solo ai pazienti ma anche alle loro famiglie e agli operatori che se ne prendono cura, una triade in cui nessuno degli elementi può e deve essere trascurato. 
Letizia si occupa (non solo) di persone non auto-sufficienti ma quello che dice, pratica e insegna potrebbe tranquillamente essere applicato al resto del mondo, a quelli cosiddetti sani.

Sta proprio qui la chiave: trattare le persone che convivono con la demenza o con altra malattia come persone e non come malati o peggio identificandoli -e di fatto riducendo la loro reale identità - con la loro malattia. 

 Ne sa qualcosa Leonardo Cenci, che vedete in foto mentre corre la Maratona di New York. Perugino, 44 anni Leonardo convive da quasi 5 anni con un feroce cancro al polmone con metastasi alle ossa e al cervello.

Gli avevano dato 4 mesi di vita e così -era il 2012- ha pensato di festeggiare il Capodanno a novembre visto che, stando alla diagnosi, a dicembre non ci sarebbe arrivato. Tra i mille motivi per cui Leonardo ha abbodantemente superato il quarto mese, c'è sicuramente l'idea di non viversi come una malato incurabile: Leonardo ne fa tremila, non ultimo il progetto Oncology Games, approvato e finanziato dall'Unione Europea, la cui finalità è di realizzare attività sportive a livello europeo che promuovano l’importanza dell’attività fisica per la salute, l’inclusione sociale e il benessere delle persone affette da malattie oncologiche.

Leonardo è anche il fondatore di Avanti Tutta, una Onlus che diffonde un messaggio di speranza, coraggio ed ottimismo e che si è data come mission di dare dignità ai malati di cancro e di promuovere la pratica sportiva nei protocolli di terapia contro il cancro, uno stile di vita corretto e sano e di favorire una campagna di solidarietà per acquistare materiale per il reparto di oncologia dell’ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia.

 

Dignità, è questa la parola. Quando ho partecipato, portando con la mia piccola associazione Happymess lo Yoga della Risata, a uno dei suoi eventi più popolari -gli Avanti Tutta Days, 10.000 presenze per 3 giornate tutte dedicate allo sport- è questo che ho respirato: dignità.

E gioia, molta gioia, autentica voglia di divertirsi e di divertire. Senza lasciarsi fregare dall'idea che quando si parla di tumori, di tumori incurabili, c'è poco da ridere perché la faccenda è troppo seria.

 

Allora non immaginavo che dopo nemmeno due anni mi sarei ritrovata a organizzare un convegno -anzi un HappyLab-  in cui all'inno di "Siamo Tutti Risabili" si parlerà anche di questo, della Risabilitazione® nei contesti cosiddetti fragili: la disabilità, la malattia, la reclusione.
Se il tema vi interessa, le iscrizioni sono ancora aperte: noi vi aspettiamo come sempre a braccia (e menti) aperte e mandibole (e cuori) spalancati!
Con Letizia Espanoli, Elena Mantesso, Giusi Di Napoli, Luisa La Rosa, Grazia Fortuzzi, Rodolfo Matto, Aurora Palombi, Francesca Biondì e Elisa De Meo.

 

 

Elisa De Meo
Risabilitatrice® e Orientatrice di Sguardi

elisademeo@gmail.com

risataliberatutti.it

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Please reload

Post in evidenza

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Post recenti

April 3, 2018

Please reload

Archivio
Please reload

Cerca per tag
Please reload